L'AZIENDA

Pubblicato il da sandri simone

l'azienda è l'insieme di beni dell'impresa, ed è una nozione statica, rispetto alla impresa che è considerata dinamica.

questi beni possono essere mobili, immobili o immateriali.

 

l'azienda è quindi il complesso dei bene organizzati dall'imprenditore per svolgere il proprio esercizio di impresa.

l'imprenditore può decidere di alienare la propria azienda, ma il compratore è tenuto a rispettare degli obblighi:

 

 

-il nome della azienda non può essere cambiato, ma è possibile aggiungere il nome del compratore (ferrari di lunelli ...)

 

-il compratore deve comprare anche il cosidetto "valore di avviamento", ossia il parco clienti e i fornitori dell'imprenditore che vende.

 

-i lavoratori non possono essere licenziati dopo il passaggio della attività, se non per reati gravi.

 

-i creditori possono scegliere se farsi pagare i loro debiti dal nuovo o dal vecchio imprenditore, e in base a ciò l'ammontare dei debiti da pagare può rientrare o essere escluso nel prezzo di vendita dell'impresa

 

- il venditore ha il dvieto della concorrenzaa sleale, ossia il divieto di riproporre in futuro l'attività venduta vicino alla stessa, o attività simili.

 

 

l'azienda porta con se dei segni distintivi:

 

  • la ditta: la ditta è il nome dell'azienda

 

  • l'insegna: è il segno distintivo del locale in cui si svolge l'attività, è a uso esclusivo dell'imprenditore e non è possibile creare insegne simili  fra di loro, per il principio che potrebbe fare confusione

 

  • il marchio: il marchio è il segno distintivo del prodotto, e va registrato all'ufficio brevetti con validità 10 anni, salvo rinnovo. il marchio può essere denominativo (parole), emblematico (disegni, combinazioni) o misto.                        il marchio può non essere registrato, ma tale risulta un marchio di fatto. qualsiasi marchio non registrato può essere copiato, a meno che non abbia raggiunto una notorietà internazionale.                                                               

perchè il marchio sia valido deve rispettare certe regole:

 

- deve rispettare il requisito di novità, un marchio che nn crea confusione.

 

- deve essere originale

 

- deve essere lecito, rispettoso della legge.

 

se un marchio non ha tutti e tre i requisiti è considerato nullo.

Con tag DIRITTO

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post

Business Coaching Italia 03/02/2021 11:44

Noi abbiamo da poco avviato una srl e abbiamo deciso di farci seguire durante i primi 3 mesi da Business Coaching Italia, una azienda che ci ha aiutato a strutturare meglio il nostro business e partire con il piede giusto.